fbpx
Segui docums su

Anatomia

L’apparato respiratorio

L’apparato respiratorio è una struttura anatomica adatta alla respirazione, presente sia nelle piante che negli animali.

L’apparato respiratorio dell’uomo è composto da diverse parti collegate tra loro, alcune delle quali risultano in comune con l’apparato digerente. L’aria, una volta entrata, attraversa nell’ordine gli organi che seguono:

Il naso e la bocca

Generalmente la prima parte del corpo che viene a contatto con l’aria inspirata è il naso, più raramente la bocca. Nel naso l’aria passa attraverso le narici e viene filtrata dai peli nasali, che trattengono il pulviscolo atmosferico. Viene poi riscaldata dalla mucosa nasale ricca di vasi sanguigni e inumidita dal muco, prodotto da ghiandole apposite. In questo modo il naso fornisce una prima protezione a tutto il sistema respiratorio, cosa che non avviene quando l’aria entra nella bocca.

La faringe

L’aria dal fondo del cavo orale e dal naso, arriva così alla faringe, organo situato in corrispondenza del collo e a forma di tubo lungo 10-13 cm. Essendo in comune con l’apparato digerente la faringe ospita il passaggio dell’aria e del cibo. Contiene l’epiglottide che si chiude per non far andare il cibo nella laringe. E’ rivestita da cellule provviste di ciglia in continuo movimento. Queste rimuovono secrezioni e particelle di polvere sfuggite ai peli del naso e le trasportano nella bocca da dove possono essere espettorate o deglutite.

La Laringe

L’aria, passa poi, nella laringe, un altro organo cavo, che serve anche per la fonazione, cioè per emettere suoni. Infatti all’interno della laringe si trovano le corde vocali, due lamine di tessuto elastico, lunghe 2 o 3 cm, che vibrano al passaggio dell’aria in uscita dai polmoni, producendo suoni diversi.

La trachea

Alla laringe segue la trachea. Un tubo rigido, ma flessibile di circa 10-15 cm e largo circa 2 cm, la cui parte superiore si trova ancora nella gola. E’ costituita da 15-20 anelli cartilaginei, uniti da tessuto elastico e al suo termine si divide in due grossi rami detti bronchi.

I bronchi

I bronchi, come la trachea, sono costituiti da anelli cartilaginei uniti da tessuto elastico. Si suddividono ad albero in ramificazioni sempre più piccole, fino ad arrivare a tubicini piccolissimi, detti bronchioli. Con i bronchioli terminano le cosiddette vie aree dell’apparato respiratorio che servono per il passaggio dei gas della respirazione.

Gli alveoli polmonari

I bronchioli terminano in una specie di “grappolo” costituito da tante piccole cavità, chiamate alveoli polmonari, dotati di pareti sottilissime e ricoperte da capillari, piccolissimi vasi sanguigni. Gli alveoli sono l’unità di base dei polmoni, qui arriva l’aria inspirata ed è proprio al loro interno che avviene lo scambio dei gas tra il sangue dei capillari e l’aria presente negli alveoli.

I polmoni

L’insieme degli alveoli polmonari forma i polmoni, gli organi essenziali per la respirazione e dà loro il caratteristico aspetto spugnoso. Si trovano nella cavità toracica, ai lati del cuore, e poggiano sul diaframma, un muscolo che separa la cavità toracica da quella addominale. Il polmone destro è del 10-20% più grande del sinistro ed è diviso in tre lobi, mentre il sinistro soltanto in due. Sono rivestiti da una doppia membrana di protezione, detta pleura.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Di più in Anatomia