fbpx
Segui docums su

Italiano

Vittorio Alfieri

Nobile letterato, drammaturgo, scrittore e autore teatrale autore del Saul e di altre opere e famoso per la sua frase “vòlli, e vòlli sèmpre, e fortissimaménte vòlli”

Vittorio Alfieri è nato in Asti nel 1749, da nobile famiglia, ancora ragazzo entrò nell’Accademia militare di Torino da dove uscì nel 1766. Tuttavia mise subito da parte la divisa di ufficiale e si mise a viaggiare attraverso l’Italia e l’Europa. Condusse per più anni una vita irrequieta finché, tornato in patria, non scoprì la sua vocazione per le lettere e soprattutto per il teatro.
Nel 1775 compose la prima tragedia Cleopatra, ma già si era accorto di mancare di una cultura sistematica e di avere poca dimestichezza con la lingua italiana, perciò si dedico con straordinario impegno ad uno studio intenso dei classici latini e italiani, mirando a rendersi padrone soprattutto dei modi linguistici toscani.
Frattanto, nel 1777 aveva conosciuto a Firenze Luisa Stolberg, contessa d’Albany, cui rimase legato per tutto il resto della vita. Infatti, la seguì in Francia e con lei fuggì da Parigi nel 1792 a causa degli eccessi della Rivoluzione, per riprendere dimora a Firenze ove si spense nel 1803.

Opere:

Rime: sono rappresentate da oltre trecento componimenti, per lo più ispirati dall’amore per la contessa Albany; ma non pochi sonetti rispecchiano atteggiamenti particolari dello spirito alferiano che si esalta nel culto della libertà e si agita nella solitudine delle sue passioni.

Vita (1792-1803): è un autobiografia in cui l’autore, più che narrare le vicende del proprio passato, delinea la sua storia intima. Essa è divisa in quattro parti, o meglio epoche, come lo stesso Alfieri le chiama puerizia, che si riferisce ai nove anni di vegetazione dal 1749 al 1758; adolescenza, che abbraccia i successivi otto anni di ineducazione trascorsi in Accademia; giovinezza, che comprende il resoconto dei viaggi e delle dissolutezze fino al 1775; virilità, che dà notizie degli studi e dei lavori compiuti dall’Alfieri fino alla morte.

Della tirannide (1777-1801): è la più viva delle opere politiche alferiane; egli la scrisse sotto l’influenza di autori illuministi (Montesquieu, Voltaire…) riprendendone le idee, ma con formulazioni rigide, esprimendo una concezione aristocratica e individuale della libertà.

Tragedie (1775-1798): sono scritte in endecasillabi sciolti e distribuite in cinque atti; si uniformano alle regole classiche, rispettando le unità aristoteliche di luogo, tempo azione. Sono ventuno e i loro soggetti sono tratti dalla:

Mitologia greca (Polinice, Antigone, Agamennone, Mirra…)
Storia romana (Virginia, Ottavia, Bruto I, Bruto II…)
Storia medievale e moderna (Rosmunda, Filippo, Maria Stuarda, La congiura dei Pazzi…)
Bibbia (Saul).

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Di più in Italiano

  • Giovanni Pascoli vita

    Giovanni Pascoli è un poeta Italiano della letteratura Italiana di fine Ottocento. Nonostante la...

  • Giosuè Carducci Biografia

    Carducci fu ostile al sentimentalismo romantico e allo spiritualismo che caratterizzavano la poesia italiana...

  • I grandi Idilli di Leopardi

    I Canti raccolgono la parte principale (e più conosciuta) della produzione in versi di...

  • I Canti di Leopardi

    L'Idillio è un componimento poetico che rappresenta un quadretto georgico. Il Leopardi lo adottò...